lunedì 28 maggio 2007

CAGATE Statistiche di ALMALaurea



Abbiamo cominciato a scrivere questo BLOG per cercare di rendere migliore la nostra posizione di studenti all'interno dell'Alma Mater. Come troneggia e campeggia nella testata del nostro sito da tempo ci poniamo il problema della retribuzione di neolaureati/laureati, che paragonata a chi svolge un lavoro manuale (da elogiare per questo), ha da gridare allo scandalo! Non è scandaloso tanto il valore in Ca$h loro retribuito, perchè frutto di anni d'esperienza sul campo, ma di quello effettivamente percepito dal LAUREATO in generis.

In risposta alla dichiarazione rilasciata da Salvatore Settis ALMALAUREA REPLICA CON LE SUE "STATISTICHE"

Ne "Il Sole 24 ORE" del 25 maggio c.a. un articolo titola "Universitari, eterni Peter Pan" in cui si afferma che 83% degli studenti preferisce continuare a studiare anziché entrare nel mondo del lavoro con la certezza di un posto fisso!


Alma Laurea, oltre ha non capire la motivazione di tale scelta, ha pure il coraggio di riportare una media degli stipendi offerti a tutti coloro che hanno accettato tale lavoro...Che noi riportiamo testualmente qui sotto.


[..]AlmaLaurea ha analizzato anche la situazione di 8omila laureati triennali dell'anno solare 2005 a un anno dal conseguimento del titolo : il 48,5% lavora, il 43% continua a studiare (il 16% studia e lavora), solo una piccola minoranza è in cerca di occupazione . Il guadagno mensile netto è in media di 991 euro ; ma sale a 1043 euro per coloro che proseguono un lavoro iniziato durante gli studi. Chi studia e lavora guadagna 694 euro al mese. Le donne continuano a essere discriminate: guadagnano solo 900 euro al mese, contro i 1.132 euro dei maschi. E,naturalmente, alcune lauree rendono più di altre : i medici guadagnano in media 1.307 euro, i laureati in psicologia e in materie letterarie oscillano tra 654 e 728 euro al mese.[..]



Bene detto questo cominciano le miei perpressità :
  1. Come fa un ragazzo/a a permettersi una vita dignitosa, costruirsi un futuro con meno di 1000 €?!
  2. Se volesse affittare un appartamento come dovrebbe fare?! Figuriamoci a comprarlo!
  3. Avere un'auto?! Od una Moto?!
  4. Fare una vacanza?!
  5. Mettere su famiglia!?
  6. Ma c'è qualcuno che quando scrive l'articolo non s'accorge della notizia dentro la notizia?!
  7. Perchè ci dobbiamo bere tutte le stronzate che ci propinano?!
  8. Ma c'hanno presi per celebrolesi?! Lobotomizzati o cos'altro?!
  9. Chipiùnehapiùnemetta...porco i'mmondo che c'ho sotto i piedi!

La soluzione potrebbe essere il mutuo acceso presso un istituto di credito, ma con tassi da Cravattaro!!!! Ma non è facile neanche ottenerlo...quanti di voi si son sentiti dire che ci vogliono maggiori garanzie!!! Così non ha scelta ed il 90% è costretto dalle circostanze ad accettare condizioni di lavoro assurde! Il male minore potrebbe essere trasferirsi all'estero dove la ricerca, il ricercatore od anche il semplice laureato può contare su stipendi proporzioni al costo vita e agli anni di studio, ma spesso gli affetti (in primis la propria compagna) sono molto restii o addirittura contrari nel valutare questa opzione!


Purtoppo, in italia, si sta marciando, o meglio s'è sempre marciato (ndr: speculato), sul costo del dipendente! Come è risaputo 40/50 anni fa l'Italia basava la propria economia proprio su questo, il prezzo della mano d'opera! Con l'avvento dell'€URO non s'è fatto niente per combattere il cambio sfavorevole (...Colpa di Romano...), perchè si pensava di poter continuare su questa politica estera! Purtroppo non si era tenuto conto dei paesi in via di Sviluppo (CINA in primis) che ha spodestato l'Italia dal posto di leader europeo per la vendita i prodotti a basso costo (arredamento, materiali da costruzione, manovali, ecc...)! La Spagna, paese con condizioni economiche simili a quelle nostrane, sta puntando sulla ricerca e sulla tecnologia interna per risollevarsi ed il suo PIL sprinta...mentre l'Italia arranca! Ciò viene dimostrato dalle imprese italiane (troppo piccole, quasi a conduzione familiare) che, ancora, utilizzano tecnologie obsolete. Come se non bastasse c'è il mal costume distribuito di non puntare sul Know-how autoprodotto preferendo comprare brevetti ( a prezzi impossibili ) per poi spalmarne il costo tagliando tutto ciò che è considerato esubero: gli stipendi (a partire dall'operaio in cassa integrazine al nostro agoniato stipendio) ed i dipendenti!



Ma non è finita qui...
Sul Resto del Carlino del 25 Maggio c.a. si titola a pagina 29 "Laurea breve? Agli italiani non basta" sempre grazie alle statistiche rilasciate da AlmaLaurea viene scritto

[..]In sostanza dal 2001—anno di avviò della riforma del «3+2»—è diminuita l'età dei laureati (come d'altronde gli anni di studio) e ci sono sempre meno fuori corso. I ragazzi frequentano di più le lezioni, ma si sentono meno pronti al «grande salto». [..]

Sostanzialmente è colpa nostra...così se ne escono e se ne lavano le mani!!! Io ho solo un commento:

Buffoni

2 commenti:

randel ha detto...

Mi associo, BUFFONI !!
Facciamo una bella rivoluzione in stile francese e bastoniamoli tutti pubblicamente i responsabili della situazione in cui si trova l'Italia.

Anonimo ha detto...

Hello. And all nice words. great site great yes it is.
[url=http://free-porn-free-sex-free-xxx-videos.org] ?????????? ?????[/url]
?????????? ?????
http://free-porn-free-sex-free-xxx-videos.org